Archive | Uncategorized RSS for this section

cool decorations for small houses -english version inside as always-

avere una casa in cui ci si sente a proprio agio rappresenta veramente tutto. durante l’università ho abitato a perugia per 4 anni e non mi sono mai propriamente sentita ”a casa”. credo perché non ho mai impiegato molto tempo a arredare per bene l’appartamento dove io e la mia amica vivevamo. ora che abito a milano da svariati mesi e ho nei piani di rimanere li per un bel po’ di tempo sento realmente l’esigenza di rendere quel piccolo (molto piccolo) spazio il più personale possibile.
non avendo grandi possibilità di budget mi arrangio o con quello che trovo nella casa di campagna dei miei e rimodernandolo come posso (vedi un vecchio attaccapanni che bianco riverniciato fa la sua porca figura) o mi rifugio nei negozi a basso costo dove, tra mille schifezze, qualcosa di carino si riesce a trovare.
quando sarà finito pubblicherò le foto della mia casetta ma nel frattempo voglio mostrarvi alcuni accorgimenti che, per me, possono migliorare uno spazio. da anonimo a veramente figo.

ok, vabbè, alcuni di questi appartamenti sono già fighi di loro però ci sono alcuni dettagli che si possono scopiazzare e che possono migliorare l’aspetto di qualsiasi stanza.

having a home where you can feel comfortable is really THE big deal. during college I lived in perugia for 4 years and I never really felt” at home”. I guess because I’ve never spent a lot of time to furnish well  the apartment where I lived with a friend of mine. now that I live in Milan and I have plans to stay there for quite a while i really feel the need to make my little (very little) space as personal as possible.
not having big budget i fend myself or  with what I find in my  parent’s country house making it cool or I take refuge in discount shops where, among thousands of junk , you can find something nice.
when it is finished i’ll publish photos of my house but in the meantime I want to show some things that, for me, can enhance a space. from anonymous to really cool.

ok, ok, some of these apartments are already cool (and very expensive, i think)  but there are some details that can be copied and can enhance the look of any room.

photos via apartment therapy and google images

A.U.D. -ANOTHER UGLY DISCOVERY: GALLERY GIRLS

gallery girls, altrimenti conosciuto come : un perfetto modo di far  diventare l’arte scema e desiderabile per le ragazzine ignoranti di tutto il mondo.

allora, io sono curiosa, e per questo motivo le serie tv le guardo praticamente tutte, specialmente i docu-reality americani. non so, mi fanno ridere. ad esempio ero ipnotizzata da the city, the rachel zoe project e cagate varie di questo genere. che ci volete fare, le guardavo oh.

ma questo è troppo. seriamente troppo.

già ora tutto il mondo vuole lavorare nel mondo della moda per colpa di un film e qualche serie televisiva, ma ora pure l’arte? NO VI PREGO NO. FERMIAMO QUESTO SCEMPIO!

Vi descrivo brevemente  il telefilm.

ambientato ovviamente a NewYork abbiamo diverse ragazze intorno alle quali gira ”la storia” (dechè ancora non si sa, bah!)

-la ricca e scema figlia di papà. brutta, grassottella e con l’atteggiamento di una vera stronza. esempio del fatto che i soldi non possono comprare la felicità questa qui ha anche un serio problema con l’alcool.

-l’altra figlia di papà un po’ meno scema di quella di prima. sempre stronza è ma perlomeno questa è un attimino un po’ più ”intelligente”. fa la stagista in una sconosciuta galleria d’arte di new york e si rifiuta di fare qualsiasi lavoro pesante. porella, capitela.

-terza figlia di papà che -testuali parole- non si deve preoccupare di lavorare in modo retribuito perché c’è un fondo fiduciario che la sovvenziona. ma vai anche a cagare.

brutta come un criceto investito, si veste male e ha un amico cretino che più cretino non si può.

e dopo le classiche bionde appartenenti all’upper east side abbiamo un altro cliché: le alternative di brooklyn che scelgono di aprire una ”galleria d’arte” (un negozio con un 4 vestiti e 6 quadri appesi alle pareti. brutti pure.)

queste sono tre:

– una che non capisce un benemerito cavolo di business, che chiama ”investitori” i genitori che le hanno prestato 50000 dollari per aprire il negozio.

– una finta hipster che deve fare l’alternativa a tutti i costi e che -aritestuali parole- si taglia i capelli corti per differenziarsi dalle altre due che ce li avevano lunghi e marroni. matteprego.

– la terza manco mi ricordo come si chiama. questo vi dice tutto.

aaaaaaaah mi sono dimenticata l’asiatica. questa qui fa la modella. si diverte a posare nuda, a vestirsi ”slutty” e dice di essere ossessionata dagli uomini. darling, non è un buon segno.

questa serie si chiama GALLERY GIRLS, chiamata così a quanto pare perché le citate donzelle amano l’arte e vogliono lavorare nelle gallerie d’arte. se chiedi a una di loro perché di tale decisione loro rispondono << tutta new york vuole lavorare nel mondo dell’arte >>

AH BHE, ALLORA SI.

”che dio ce ne scampi e liberi” direbbe un mio amico.

non potrebbe avere più ragione.

ENGLISH:

gallery girls, otherwise known as: a perfect way to make art stupid and desirable for all the ignorant young girls around the world.
So, I’m curious, and for this reason i watch pretty much all the american TV series especially the docu-reality. I do not know, they make me laugh. for example, I was mesmerized by the city, the rachel zoe project and various crap like that.

but this is too much.  seriously.
in these days already all the world wants to work in the fashion field because of a movie and some TV series, but now also the art world? NO PLEASE NO. Let’s stop this massacre!
I’ll briefly describe the show.
obviously set in New York, we have several girls around which the story evolves (haven’t understood the story yet, bah!)
-The rich and stupid daddy’s girl. ugly, dumpy and with the attitude of a real bitch. example that money cannot buy happiness and this one also has a serious problem with alcohol.
– the other daddy’s girl is a little less stupid than the previous one. but at least this bitch is is a bit ‘more ” smart”. she  intern in an unknown art gallery in new york and refuses to do any heavy lifting. poor girl, understand her.
-Third daddy’s girl-and i quote- do not has to worry about working unpaid because there is a trust fund that finance her. go to hell, please.
she’s ugly like an invested hamster, ugly dressed and has a real idiot as a friend.
and after the classic blondes belonging to the Upper East Side we have another cliche: the alternative brooklyn girls who choose to open an art gallery (a shop with a 4 clothes and 6 pictures on the walls.ugly ones. )
these are three:
– One that does not understand a damn about business, she calls” investors”  her parents who have paid $ 50,000 to open the store.
– A fake hipster  who has to do the alternative at all costs and that- and i quote, again-has to cut the hair short to differentiate them from the other two girls which have long and brown hair. oh god.
– The third  i do not even remember how she’s called. This tells you all.
aaaaaaaah I forgot the Asian.she is a model. she likes to pose naked, to dress slutty”” and she says she is obsessed with men. darling, it’s not a good sign.
This series is called GIRLS GALLERY, named liked that apparently because the aforementioned ladies loves art and want to work in art galleries. if you ask one of them because of that decision they answer  << all new york want to work in the art world >>
OH WELL, NOW I GET IT.
a friend of mine was used to say : ” god please get rid of them and help us”
he could not be more right.

who wants to work in the fashion world – lavorare nel mondo della moda

there are a lot of difficulties when you want to work in the fashion world. some says that it takes the right network of connections, some says  that you just have to work hard and some other says that is a closed world to the ”normal” people.

I think,from a very long time, i want to be a part of this world, but sometimes I wonder,” are these people nuts???”
I’ll explain:
I attend a Master of fashion communication with the goal of becoming a stylist. I chose to attend a master’s because I majored in Perugia in advertising technique and I realized that with the degree I would have done very little and mainly because, I admit, I was disgusted by it but I made this clear in my mind when i had already begun and so I said to myself ” Oh well, now i’m going to finish it.”
I admit that I also have been influenced by the now famous movie” The Devil Wears Prada” and I laugh remembering that when I saw the film I thought ”oh c’mon no way,they can not be SO exaggerated in the world of fashion.”

WRONG! I’m all right!
example:” guys, next week I have chosen a veeeery particular theme  for your photo shoot … do it … ASIAN COSMIC”

WTF?????

now..i mean…what the hell is cosmic asian? I asked for an explanation and what came out? Asian style with fluorescent colors.
LADY, SERIOUSLY, could you not say it before??
the problem of some people that are part of the fashion system (see the mentioned Professor) is that they look at themselves a bit above the rest of the world. they say they hate mediocrity, not talent and conformism. But, then I wonder … why they are a perfect example of it? do not talk about asian cosmic as if you were talking about the next discovery of the moon, but simply say Asian style with influences of bright colors. do not say” metropolitan jungle” because vogue and a dozen of other magazine already have invented terms like them. do not ask to be original and outside the box when all you admire and award is your personal work.
I do not know, I mean, i like fashion in the sense that I love the freedom of expression that may result from a combination of clothes rather than another and that through simple clothes a person can change from day to day.
But let’s think about it for a moment, let’s try to do things in a more serious way. do not  let fashion become the  parody of itself.
fortunately there are serious professionals, maybe I’ll talk about them if I’ll do another post like this and those kind of people are what continues to inspire me, knowing that there are serious people who make fashion a work worthy of the name and who carry a job that should primarily inspire and encourage you to join.

italian:

le difficoltà nel lavorare nel mondo della moda possono essere tante. c’è chi dice che ci vogliono le conoscenze giuste, c’è chi dice che basta lavorare sodo e c’è chi dice che è un mondo chiuso alle persone ”normali”. Io penso, ormai da un po’ di anni, di voler far parte di questo strano mondo ma a volte mi chiedo: ” ma ci sono o ci fanno queste persone qua?”

mi spiego meglio:

frequento un master in comunicazione di moda con l’obiettivo di diventare una stylist. ho scelto di frequentare un master perché mi sono laureata a Perugia in tecnica pubblicitaria e ho capito che con quella laurea avrei fatto ben poco e soprattutto perché, lo ammetto, mi faceva abbastanza schifo ma ho realizzato questo a percorso ormai iniziato e quindi mi son detta ”vabbè, ormai finiamo”.

ammetto che anche io ho subito l’influenza dell’ormai celeberrimo film ”il diavolo veste prada” e mi viene da ridere ricordando che quando vedevo il film pensavo ”si vabbè dai staranno esagerando, non possono essere  COSI’ fissati nel mondo della moda”.

WRONG! lo sono eccome!

esempio: ”ragazzi, per la prossima settimana ho scelto un tema moooolto particolare per il vostro shooting fotografico…lo facciamo…ASIAN COSMIC”

maddeche? ma che è? ora io non voglio fare la provinciale ma dai su ma che cavolo è asian cosmic?? le ho chiesto una spiegazione e cosa è venuto fuori?? stile asiatico con colori fluo.

ABBHE, ALLORA SI!!!.

il problema di alcuni che fanno parte del sistema moda (vedi la sopracitata professoressa) è che si credono un tantinello al di sopra del resto del mondo. a sentir loro odiano la mediocrità, il non talento e il conformismo. Ma..allora mi chiedo…perché loro ne sono un perfetto esempio? non dire asian cosmic come se stessi parlando di un altro segreto di fatima, ma dì semplicemente stile asiatico con influenze di colori brillanti. non dire ”metropolitan jungle” perché ci hanno già pensato Vogue e una decina di altre riviste a coniare termini simili. non chiedere di essere originale e fuori dagli schemi quando tutto quello che premi e ammiri è solo il tuo di lavoro e non quello degli altri.

Non so, a me la moda piace, nel senso che amo la libertà di espressione che può scaturire da un abbinamento piuttosto che un altro e il fatto che attraverso semplici vestiti una persona possa trasformarsi da un giorno all’altro.

però pensiamoci un attimo, cerchiamo di fare le cose in modo più serio. non facciamo diventare la moda la parodia di se stessa.

fortunatamente di professionisti seri ce ne sono, magari ne parlerò se farò un altro post di questo genere ed è proprio questo che continua ad ispirarmi: sapere che di persone serie che fanno della moda un lavoro degno di questo nome ce ne sono e che portano avanti un mestiere che deve principalmente ispirare e invogliare a farne parte.

MTV MOVIE AWARDS 2012

Fashion, movies and celebrities..can i avoid to talk about the mtv movie awards 2012??? not at all!!

This year the show was all about The Hunger Games, Twilight-Breaking Dawn and Harry Potter and the Deathly Allows. What can I say, i saw it all and even if i’m not a big fan of the twilight saga this movie catches you and the story makes you want to know more about it but, anyway, Harry Potter will always be the first in my heart.

Read More…

Ashley Madekwe – Revenge

Usually i post on tuesday but today i was really inspired by her style.

I personally love Ashley’s style from the time in which she did Bambi in ”The secret diary of a call girl” and ”The beautiful life” but I have to say that in Revenge her style is amazing.

Read More…

Joan Halloway

I think that most of you knows about Mad Men, a tv serie which, in my opinion, is simply amazing.

It take places in the 60’s and even if i’m not a lover of the fashion of that time i have to say it, Joan Halloway is one of the most elegant women which I ever seen in movies.

Read More…

Domino Harvey

Image

Ok, it seems that i’m a little bit stuck into the ”badass female character” but, what can I do, I think that there are the more interesting!

Today I’m going to talk about Domino Harvey.  Read More…